Ho cominciato a fare il mio mestiere da ragazzo, riparando maldestramente la mia chitarra alla quale si era “strappato” il ponte. Era una chitarra classica giapponese, tutta in legno compensato, ma era la mia chitarra e la possiedo ancora, a perenne ricordo di quel primo lavoro.

Questa è stata la molla per arrivare, nel 1980, a conoscere il mio compianto M° Federico Lowenberger, tramite il mio amico, ora M°, Antonino Airenti, anche lui appassionato come me di musica e strumenti. Per oltre 25 anni ho frequentato il laboratorio del M° Lowenberger e posso dire di aver appreso lavorando “a bottega” da lui,  tutto quello che so.

1462725_10201845976689157_1865434436_oFu lui a farmi usare per la prima volta sulla filettatura di uno strumento, quello che è diventato il “logo” che ora appongo su tutti i miei strumenti, nella filettatura, ove possibile, o con questo marchio a fuoco, in onore ed in memoria del mio amatissimo Maestro.

Nel corso della mia vita ho costruito, riparato, restaurato ogni tipo di strumento a corda, chitarre, mandolini, violini, viole da braccio e da gamba, violoni e contrabbassi. Gli strumenti di grossa taglia sono diventati nel tempo i miei preferiti e di fatto costituiscono oggi la mia attività principale.

Tutto questo senza dimenticare gli strumenti moderni e gli strumenti elettrici.

Nel 2008 ho finalmente coronato il sogno di sempre, aprendo il mio nuovo laboratorio nel centro storico di Genova.

Condividi!Share on Facebook0Tweet about this on TwitterEmail this to someoneShare on LinkedIn0